a
a
HomeECONOMIA E MERCATIECONOMIA, POLITICA E SOCIETA'Obbligazioni e rendimenti negativi: insieme contro il buonsenso economico

Obbligazioni e rendimenti negativi: insieme contro il buonsenso economico

Obbligazioni con rendimento negativo: una grande distorsione.

Il mondo pullula di obbligazioni che offrono un rendimento negativo: guardate il grafico, relativo ai 10 mercati obbligazionari più importanti al mondo.

rendimenti-negativi1

Quindi gli investitori che acquistano oggi un’obbligazione a rendimento negativo e la detengono fino alla scadenza otterranno meno denaro di quello che avevano in partenza. Wow.

A me basta scriverlo per provare un discreto senso di disagio.

Va anche peggio se guardiamo ai rendimenti reali, depurati cioè dall’inflazione: sono riportati nella tabella seguente, dove il rosso dei rendimenti negativi domina ovunque, in tutti i Paesi e su tutte le scadenze. Bisogna andare sulle scadenze trentennali per trovare un po’ di verde…

rendimenti-negativi2

Ma perché diavolo un investitore dovrebbe acquistare queste obbligazioni a rendimento negativo e accettare di perdere soldi in modo cartesiano?

C’è qualcuno che ha dei validi motivi per sfidare il buon senso economico

Ad esempio perché l’acquisto di obbligazioni fa parte del proprio mandato istituzionale: è il caso di banche centrali, banche, fondi pensione e assicurazioni, che li detengono come riserve in divisa, oppure a fronte di passività, o per via di requisiti regolamentari. Ci sono poi i gestori di ETF e fondi, che li acquistano perché sono bond presenti nei loro indici di riferimento (o benchmark).

Poi c’è chi, con intento speculativo, acquista un titolo con rendimento negativo nella speranza che il suo rendimento scenda ancora (facendo salire il prezzo), per poi rivenderlo traendone un guadagno. E c’è chi – soprattutto investitori istituzionali – “parcheggia” liquidità in obbligazioni, aspettando di investire altrove a migliori condizioni, anche se sa che ciò ha un costo.

Queste sono motivazioni, come dire… contingenti. Perché resta il fatto che vedere rendimenti obbligazionari reali negativi va contro ogni logica economica. Introduce distorsioni mostruose nell’economia.

Pensateci.

Basta andare alla radice dell’idea di tasso d’interesse reale: ignorando il rischio di default (peraltro presente), il rendimento reale remunera il fatto che ci si priva del denaro con cui si possono acquistare beni o servizi per darlo a qualcun altro. Perciò se il rendimento reale è negativo significa che non si desidera essere remunerati per questa privazione, ma anzi si è disposti a pagare.

Detto diversamente, un rendimento reale negativo implica che, se pensate a un oggetto o un servizio (chessò, il viaggio che avete sempre sognato, un libro, una cena favolosa, un paio di scarpe, una bottiglia di Porto… qualsiasi cosa vi venga in mente), preferite goderne in futuro anziché oggi. E quando pensate ad una data futura, vi rendete conto di preferire una data ancora più in là nel tempo. E così via, all’infinito. Non so per voi, ma per me non è così. Non ha senso.

Un tasso d’interesse reale viola quindi i principi alla base di quelle che gli economisti chiamano “preferenze intertemporali”: e cioè che istintivamente attribuiamo più valore a un bene disponibile oggi che allo stesso bene disponibile domani. Il rendimento reale è positivo per il fatto stesso che la nostra vita è incerta e limitata, che non viviamo all’infinito. Un interesse reale negativo significa che preferiamo posporre una soddisfazione, in modo indefinito – il problema è che prima o poi la vita finisce. Oppure significa che siamo in un wormhole nel quale il tempo scorre in senso inverso. E non mi pare sia così.

Questa è la grande distorsione del momento: i tassi d’interesse non riflettono più la reale natura delle preferenze degli investitori. Non può continuare in eterno.

Scritto da

Uno dei fondatori di AdviseOnly, responsabile del Financial & Data Analysis Group. Esperto di finanza e gestione dei rischi, statistico Bayesiano, lunga esperienza in Allianz Asset Management, è laureato in scienze economiche con indirizzo quantitativo-statistico all'Università di Torino. Docente di Quantitative Portfolio Management al Master in Finance dell'Università di Torino, ha pubblicato vari articoli su riviste finanziarie (fra le altre: Journal of Asset Management, Economic Notes, Risk), contribuendo a libri su investimenti e gestione dei rischi. Ex-triathleta, s'ostina a praticare apnea, immersioni e skyrunning.

Ultimi commenti

lascia un commento