a
a
HomeCAPIRE LA FINANZAFINTECHFintech e Insurtech, ecco i numeri del 2018

Fintech e Insurtech, ecco i numeri del 2018

I numeri del Fintech in Italia nel 2018

Sempre più italiani sperimentano i servizi Fintech, ma lo fanno in modo timido, senza avventurarsi in aree sconosciute. È quanto emerge dall’ultimo Osservatorio Fintech e Insurtech del Politecnico di Milano, che ha indagato l’approccio di consumatori e PMI all’offerta digitale in ambito finanziario e assicurativo.

 

Il 25% degli italiani usa servizi Fintech

Nel 2018, si legge nel report, sono 11 milioni in Italia gli utenti tra i 18 e i 74 anni che hanno provato almeno un servizio Fintech o Insurtech, il 54% in più rispetto a un anno fa: si tratta del 25% della popolazione totale del Belpaese, contro il 16% del 2017. E chi ha utilizzato questi servizi si dichiara – in genere – anche molto soddisfatto.

Ma i servizi più utilizzati dagli utenti sono tendenzialmente molto basilari: il 16% del campione dichiara di avvalersi del mobile payment, il 15% di app per la gestione del budget personale o familiare e il 12% di servizi di trasferimento di denaro tra privati. Molto apprezzati anche la possibilità di gestire sinistri da smartphone (voto 9,6 su 10), di attivare assicurazioni istantanee (8,9 su 10) e di avere accesso a un finanziamento direttamente online. La soddisfazione – e la conoscenza – si attestano a livelli molto più bassi invece per social lending, crowdfunding e chatbot.

 

E le aziende?

Il discorso non cambia molto se si guarda alle PMI: il 55% di loro interagisce con gli istituti finanziari tramite smartphone e il 92% tramite PC, anche se il canale preferito resta quello fisico. Quanto ai prodotti finanziari più utilizzati, spiccano l’anticipo su fatture (citato dal 71% del campione) e le soluzioni di leasing (66%), mentre sono poco sfruttati gli strumenti di previsione del cash flow (18%).

I metodi di finanziamento alternativi, come Minibond, peer-to-peer lending e crowdfunding sono invece ancora molto poco diffusi: solo il 22% delle PMI intervistate dichiara infatti di conoscerli.

 

 

Italia ancora lontana dai numeri di Usa e Cina

Insomma, il mercato cresce, ma la strada per una piena accettazione e diffusione del Fintech in Italia è ancora lunga, come dimostra anche il confronto con l’estero. Stando ai dati raccolti dal Politecnico di Milano infatti, a livello globale sono 1.210 le startup Fintech e Insurtech che nel 2018 hanno incassato almeno un milione di dollari di finanziamenti (+66% rispetto a due anni fa).

Ma se Stati Uniti e Cina fanno la parte del leone (con, rispettivamente, 13,9 e 13,4 miliardi di finanziamenti in un anno), in Italia la situazione è ben lontana, per quanto in crescita: qui solo 8 startup hanno ricevuto più di un milione di dollari di finanziamenti (due anni fa erano solo due), per un totale di 44 milioni in tutto il 2018.

 

I servizi bancari vanno per la maggiore

Al netto dei numeri, proviamo a guardare più da vicino questa proliferazione di nuove startup fintech, per analizzarne la composizione: ebbene, oltre la metà – circa il 51% – opera nel settore dei servizi bancari (bank account, payment e lending/financing), mentre il 23% offre servizi di investimento (asset managent, capital management, consulenza finanziaria) e il 9% servizi assicurativi. Proprio l’asset management, che è uno dei primi segmenti in cui la tecnologia ha trovato forte applicazione in ambito finanziario, sta registrando però quest’anno un nuovo riconoscimento dell’importanza della presenza di un referente umano a guida o controllo dell’automazione.

 

Collaborazione sì, ma non troppo

Quanto infine al modello di business di queste startup, emerge una certa tendenza alla collaborazione con gli operatori tradizionali: circa il 16% dichiara di voler supportare le banche nella trasformazione digitale, mentre l’8% vede gli operatori tradizionali come intermediari o piattaforme tramite cui offrire i propri servizi. Sta di fatto però che, la grande maggioranza delle startup si pone direttamente in concorrenza con le banche, anche se spesso solo su alcuni specifici servizi.

 


Tag Articolo
Scritto da

La scrittura è sempre stata la sua passione. Laureata in Economia per le Arti, la Cultura e la Comunicazione all’Università Bocconi di Milano, è entrata nel mondo del giornalismo nel 2008 con uno stage in Reuters Italia e successivamente ha lavorato per l’agenzia di stampa Adnkronos e per il sito di Milano Finanza, dove ha iniziato a conoscere i meccanismi del web. All’inizio del 2011 è entrata in Blue Financial Communication, dove si è occupata dei contenuti del sito web Bluerating.com e ha scritto per il mensile Bluerating.

Nessun commento

lascia un commento