a
a
HomeBRAND CORNERInvestire sostenibile conviene due volte

Investire sostenibile conviene due volte

La sostenibilità si basa su tre pilastri: ambiente, sociale e gestione etica dell’impresa. Chi opta per questo tipo di investimento fa bene non solo al portafoglio ma anche al pianeta.

La relazione tra sostenibilità e rendimento rappresenta un tema di dibattito sempre più decisivo: se ne discute, con un’attenzione e un interesse crescenti, da almeno due decenni. Le domande che muovono l’investitore sono: cosa significa investire sostenibile e, soprattutto, cosa ci guadagno io? Vediamolo.

La sostenibilità in 3 lettere

L’investimento sostenibile si fonda sui tre pilastri sintetizzati nella sigla ESG. “E” sta per Environmental, ossia sostenibile sul piano ambientale, con particolare attenzione:

  • alla lotta ai cambiamenti climatici;
  • all’uso di energie pulite e rinnovabili e alla progressiva eliminazione del ricorso ai carburanti fossili;
  • alle basse emissioni di anidride carbonica;
  • alla gestione responsabile dell’acqua e delle risorse idriche;
  • all’impianto e alla conservazione dei terreni boschivi, che negli anni sono stati costretti a subire una riduzione per far spazio alle attività umane.

L’investimento promuove le aziende che tengono conto di queste priorità.

“S” sta per Social: la preferenza, in questo caso, va alle società che promuovono lo sviluppo del capitale umano e che applicano le migliori prassi di produzione e i principi di sicurezza. Passano l’esame quelle realtà che tengono conto dell’impatto sociale e sulla comunità delle loro strategie e/o che prevedono fondi di solidarietà, politiche di imprenditorialità sociale e investimenti in microfinanza.

La “G”, infine, sta per Governance: è la gestione dell’impresa, che deve basarsi su una visione e su un impegno profondamente etici.

Domanda crescente

Le tre lettere mettono a fuoco questioni sulle quali l’opinione pubblica sta maturando, seppur lentamente, una sempre maggiore sensibilità. Questo grazie ad alcuni fattori.

  • Chi si occupa di ESG oggi fornisce un’informazione di maggiore qualità e di più vasta portata, cosa che sta sostenendo la crescita degli investimenti socialmente responsabili (SRI).
  • Una sempre maggiore consapevolezza dei rischi e dei danni legati al cambiamento climatico sta spingendo gli investitori a evitare aziende che contribuiscono al problema. La questione sta inoltre guadagnando la sempre maggiore attenzione di governi e autorità di regolamentazione.
  • Recenti report confermano che le soluzioni ESG possono garantire rendimenti in linea con le altre soluzioni e che anzi, in alcuni casi, riescono a fare anche meglio.
  • Gli investimenti socialmente responsabili stanno crescendo rapidamente e ciò implica che l’investitore socialmente responsabile può scegliere tra un’ampia gamma di prodotti, inclusi gli ETF.
  • Un sempre maggiore numero di investitori cerca di attuare i propri valori personali, morali ed etici in ogni aspetto della vita, investimenti compresi: gli investitori responsabili riconoscono che un investimento sostenibile può fare la differenza.
  • I vari casi di scandali aziendali degli ultimi anni hanno minato la fiducia degli investitori: ecco allora che il tema della governance non è più così periferico come in passato. Al contrario.
  • Associato a questo c’è il fattore donna: di recente, molte donne hanno scalato i vertici aziendali, lanciato le loro società, ricevuto grossi patrimoni e assunto ruoli di rilievo come fiduciarie. L’investimento SRI le premia.
  • Infine, il ruolo dei nuovi investitori. I Millennials, nati tra i primi anni Ottanta e il 2000, costituiscono una generazione che vuole fare la differenza nella società attraverso il lavoro svolto, i prodotti acquistati e gli investimenti effettuati.

Un mondo che cambia

Oggi un terzo della popolazione mondiale è rappresentata da Millennials. Spaventati dall’ultima Grande Recessione, hanno iniziato a risparmiare prima delle generazioni che li hanno preceduti. Secondo il Forum for Sustainable and Responsible Investment (MSCI, UBS Asset Management), il 67% di chi fa parte di questa generazione sostiene poi che l’investimento “sia un modo per esprimere valori sociali, politici e ambientali”, opinione condivisa dal 36% appena dei Baby Boomers, la generazione di chi è nato tra il 1946 e il 1964.

Ciò che rende questi dati ancora più interessanti è il fatto che nel corso dei prossimi 40 anni 41 mila miliardi di dollari passeranno dai Baby Boomers ai loro eredi: quindi Generazione X (nati tra i primi anni Sessanta e il 1980) e, appunto, Millennials. E, come visto, costoro vogliono più del semplice rendimento.

Come si posiziona UBS

Grandi opportunità risiedono dunque nella capacità degli investment manager di tradurre tutto questo potenziale in strategie convincenti. UBS è da tempo impegnata su questo fronte e i suoi ETF SRI oggi rappresentano il 37% della quota di mercato, con asset in gestione per 2 miliardi di euro. Tra la fine del 2012 e la fine del 2017 il mercato SRI è cresciuto rapidamente, mostrando un tasso di crescita annuale composto (CAGR) dell’86%. Ma UBS ETF ha fatto ancora meglio, con un +137%.
 

 
Gli ETF SRI di UBS coprono azionario e obbligazionario e offrono un’esposizione diversificata che comprende mercati sviluppati ed emergenti. L’obiettivo di investimento consiste nel replicare l’evoluzione dei rispettivi indici MSCI Socially Responsible (UBS è il primo a provider di ETF sugli indici MSCI Socially Responsible).

Ricapitolando: gli ETF targati UBS offrono un accesso facile e flessibile agli investimenti sostenibili, una struttura modulare che consente la copertura delle maggiori regioni azionarie, un’ottima diversificazione grazie all’ampio numero di titoli compresi nell’indice e l’adempimento dei criteri di sostenibilità. Tutto quello che serve in un’unica soluzione.

Vuoi saperne di più?


Scritto da

UBS ETF ha un lungo track record nella gestione di soluzioni indicizzate per i propri clienti. Nel 2001 UBS ha lanciato il primo ETF. Oggi UBS ETF propone un’ampia gamma di ETF su indici azionari, obbligazionari e alternativi quotati sulle principali Borse europee. Presente dal 2013 in Italia con un team dedicato di 3 persone, in Europa UBS ETF gestisce patrimoni per circa 48 miliardi di Euro e rappresenta il quarto operatore nel mercato degli ETF (Fonte: ETFGI, 28 Settembre 2018) con 85 prodotti quotati presso Borsa Italiana. UBS ETF fa parte di UBS Asset Management che è una delle principali società di gestione a livello mondiale, con un patrimonio in gestione di 700 miliardi di euro (al 30.06.2018), di cui oltre 280 miliardi di euro in gestioni passive. Per maggiori informazioni www.ubs.com/etf.

Nessun commento

lascia un commento

UBS

Le informazioni contenute nello spazio BrandCorner sponsored by UBS hanno solo uno scopo informativo, non costituiscono e non possono essere interpretate come un invito, un’offerta o una raccomandazione ad acquistare o collocare investimenti di alcun genere o ad effettuare un investimento o un disinvestimento, ovvero un consiglio o una raccomandazione di natura legale, fiscale o di altra natura. Il BrandCorner sponsored by UBS è predisposto senza riferimento ad obiettivi d’investimento specifici o futuri, né alla situazione finanziaria o fiscale, profilo di rischio o esperienze e conoscenze né tantomeno alle speciali esigenze di specifici destinatari.
Prima di prendere qualsiasi decisione in materia di investimenti si raccomanda di leggere attentamente il Prospetto Informativo e di chiedere in proposito una consulenza specifica e professionale.