a
a
HomeINVESTIREPortafoglio PIR: il beneficio fiscale con gli ETF

Portafoglio PIR: il beneficio fiscale con gli ETF

Il nuovo portafoglio PIR nato dalla collaborazione tra FIDES e AO

Il mondo dei PIR è stato finora dominato dai fondi comuni: per accedere a questa forma di investimento era necessario affidarsi ad un fondo comune PIR-compliant, senza alcun grado di personalizzazione. Ma da oggi c’è una nuova possibilità.

I Piani Individuali di Risparmio introdotti dalla legge di bilancio 2017 possono assumere diverse forme e contenere anche solo Exchange Traded Funds (o titoli azionari e obbligazionari).

FIDES Fiduciaria e AdviseOnly lo sanno bene e hanno dato vita a una collaborazione per offrire un accesso al PIR in regime amministrato dai costi estremamente competitivi, oltre che trasparente, flessibile e diversificato e nel pieno rispetto dei vincoli che la legge ha posto per poter godere dell’esenzione totale1 dalle imposte su capital gain e rendimenti e dall’imposta di successione.

Dove sta la novità?

A differenza dei prodotti PIR “fatti e finiti” offerti dalla maggior parte delle aziende oggi sul mercato, l’investitore può costruirsi da zero il proprio Piano Individuale di Risparmio, mettendoci dentro quello che vuole, purché rispetti i vincoli normativi. Chi ha provato a farlo con la propria banca si è quasi sempre visto opporre un rifiuto oppure, nella migliore delle ipotesi, un’inestricabile foresta burocratica.

FIDES Fiduciaria e AdviseOnly hanno insieme superato il problema offrendo anche la possibilità di utilizzare un portafoglio disegnato da AdviseOnly, in ETF, strumenti dai costi commissionali molto contenuti ed elevata diversificazione dei rischi (nei limiti consentiti dal perimetro regolamentare dei PIR).

Quindi: costi commissionali bassi, esenzione fiscale e un’ottima diversificazione del rischio.

Il PIR fai-da-te

Dopo la registrazione su FIDES Fiduciaria l’utente potrà scegliere il Portafoglio PIR, firmato da AdviseOnly, e gestire il suo investimento con l’aiuto del servizio di consulenza AO Tutor. In alternativa potrà invece scegliere in totale autonomia gli strumenti da inserire nel proprio Piano Individuale di Ripsarmio.

In pratica, mentre FIDES Fiduciaria si occupa di costituire il veicolo giuridico e di gestire la parte amministrativa e fiscale legata al PIR, AdviseOnly si occupa di creare il portafoglio assicurandosi che vengano rispettati tutti i vincoli necessari a ottenere il vantaggio fiscale e con la massima diversificazione dei rischi.

Il Portafoglio PIR

Il portafoglio è composto da 5 ETF selezionati in modo da:

  1. rispettare i vincoli imposti dalla regolamentazione;
  2. diversificare al massimo i rischi;
  3. cogliere le opportunità offerte dal panorama europeo e internazionale degli investimenti;
  4. minimizzare l’impatto delle commissioni di gestione.

Il secondo punto merita qualche riga in più. I PIR hanno un focus geografico chiaro ed esplicito, l’Italia, e quindi, se assemblati superficialmente, rischiano di essere un concentrato di rischio Italia. Tuttavia, i PIR consentono di:

  • investire al di fuori dell’Italia, fino a un massimo del 30% del portafoglio;
  • diversificare tra obbligazioni e azioni.

Quindi, all’interno dei singoli ETF viene ricercata e sfruttata questa possibilità (ciascun ETF può investire fino al 30% al di fuori dell’Italia). Ma c’è di più. Componendo gli ETF, possiamo inserirne altri, completamente extra-Italia, in modo da diversificare ulteriormente. Ne consegue una migliore diversificazione dei rischi, elemento imprescindibile per investire in modo ragionevole a medio e lungo termine.

In poche parole, con il Portafoglio PIR targato AO offriamo una buona efficienza di portafoglio, sfruttando il massimo della diversificazione possibile per un investimento PIR.

A chi è rivolto

Per fare in modo che i costi complessivi legati al servizio siano contenibili, siamo stati costretti a portare il controvalore minimo a 20.000 euro. Perciò il portafoglio PIR non è per tutti. E poi c’è la questione “Italia”. Nonostante la buona diversificazione – della quale abbiamo già ampiamente parlato – il portafoglio PIR ha nel suo DNA una forte esposizione al rischio Italia. Pertanto, questa soluzione appare indicata a un risparmiatore con altri investimenti slegati al rischio Italia e al rischio Eurozona e/o con una forte convinzione circa il potenziale del mercato italiano.

L’effetto PIR si è fatto sentire sul mercato italiano da tutti i punti di vista: la raccolta ha superato le più rosee aspettative, il numero di aziende che si sono affacciate alla Borsa sta crescendo in modo significativo e gli indici nostrani ne hanno ampiamente beneficiato. Certo, la volatilità degli ultimi mesi non va presa sottogamba e deve essere utile per inquadrare il rischio Italia. Tuttavia, ad oggi, il mercato azionario italiano ha delle valutazioni fondamentali accettabili, specialmente se confrontate con la media dei titoli europei.

Sul fronte obbligazionario, poi, la recente risalita dello spread ha riportato i rendimenti reali su livelli positivi. Non accadeva da tempo.

Come tutti i prodotti, i PIR hanno i loro pregi e i loro rischi, e soluzioni d’investimento one size fits all non esistono. Oggi, semplicemente, la partnership AdviseOnly-FIDES Fiduciaria offre una soluzione in più, a costi contenuti e con il massimo della diversificazione.


Costruisci il tuo PIR tax-free con AdviseOnly e FIDES Fiduciaria


1. Quanto si risparmia con i PIR?

Scritto da

Un cambio di rotta nella finanza personale. Con www.adviseonly.com in pochi click puoi realizzare un portafoglio di investimento. Accorciamo le distanze tra te ed i tuoi investimenti, rendendoti ad ogni passo più autonomo e consapevole.

Nessun commento

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.