a
a
HomeECONOMIA E MERCATICalcoliamo il rischio dei mercati emergenti: c’è da preoccuparsi?

Calcoliamo il rischio dei mercati emergenti: c’è da preoccuparsi?

Chi ha famigliarità con le numerose funzionalità del nostro sito, (bisogna iscriversi per fruirne ma è gratis, lo ricordiamo), si sarà reso conto che il Barometro del rischio è peggiorato e che quello legato ai Paesi Emergenti è sotto la soglia critica di 50, soffrendo ormai da qualche mese.

C’è da preoccuparsi?

Secondo noi no. Gran parte di questo calo è dovuto a un aumento della volatilità sulle valute e all’intensificarsi della crisi russa, che ha appena costretto l’agenzia di rating Standard & Poor’s a tagliare in rating del Paese da “Investment Grade” a “Speculativo”, portandolo a BB+ da BBB- (rammentiamo che sul mappamondo finanziario potete consultare la media dei rating delle differenti agenzie assegnati ai vari Paesi).

Ripassiamo qualche concetto

Il Barometro del Rischio sintetizza in un unico indicatore il livello di stress e il rischio di contagio sui mercati finanziari: quando è superiore a 50 il rischio sistemico è nella norma. Al contrario quando è inferiore a 50 sui mercati è più probabile maltempo e maretta.

Da luglio a questa parte, il clima finanziario è peggiorato e il Barometro dei rischio dei Paesi Emergenti è costantemente sotto la soglia di 50.

Paesi_EmergentiPerché non è il caso di preoccuparsi eccessivamente?

Il Barometro del rischio dei Paesi Emergenti è il risultato di un aggregato di indicatori, declinati per singoli Paesi. Negli ultimi mesi gran parte del calo del Barometro è riconducibile a due fattori chiave. Analizziamoli.

  1. L’aumento della volatilità. La fine del QE negli USA, l’apprezzamento del dollaro e il calo del petrolio hanno aumentato in modo sensibile la volatilità implicita delle valute, che ha un peso rilevante nel nostro Barometro.
  2. La crisi Russa. Infatti, depurando il Barometro dal “rischio Russia” (linea rossa del grafico) e normalizzando a 100 gli indicatori, il calo è meno rilevante ed in linea con quello Mondiale.

Mondo_vs_Emergenti Note: il Barometro del rischio è stato normalizzato a 100 a partire dal 15/03/2013

Come abbiamo ribadito nell’ultima asset allocation il nostro atteggiamento rimane piuttosto prudente: le “vere” occasioni d’acquisto sono poche e ci sono molti rischi sistemici. – vedi la Grecia – nonostante la spinta positiva del Quantitative Easing della BCE.

Tuttavia, dal nostro punto di vista i rischi maggiori arrivano dall’Europa e le attuali valutazioni dei Paesi Emergenti sono troppo interessanti per non averli in portafoglio. Senza esagerare però!

Vuoi sapere in che percentuale? Non ti resta che scaricare la nostra asset allocation.

Scritto da

Segue tematiche economiche e finanziarie per il team financial strategies group di Advise Only. Dopo aver conseguito una doppia laurea in Management all’Università di Torino e all’ESCP Europe, ha deciso di proseguire i suoi studi con un master in Economia Internazionale a Paris Dauphine. Dopo 4 anni di vita parigina ed esperienze lavorative come economista e strategist, sbarca in Advise Only con l’obiettivo di sviluppare la parte di analisi economica e congiunturale.

Ultimi commenti
  • Per farsi un’idea della serietà del rischio registrato dal barometro, sarebbe utile un confronto con il grafico dell’oro nello stesso periodo.

  • Jacopo parli di azionario quando dici: “le attuali valutazioni dei Paesi Emergenti sono troppo interessanti per non averli in portafoglio”, non di obbligazionario, giusto?
    Grazie

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.