a
a
HomeECONOMIA E MERCATIECONOMIA, POLITICA E SOCIETA'Torna lo spettro default: quanto rischia l’Italia per l’instabilità politica?

Torna lo spettro default: quanto rischia l’Italia per l’instabilità politica?

Di elezioni politiche e dei risultati emersi dal voto ne abbiamo parlato diffusamente nel blog: nella situazione d’incertezza che ne è emersa, l’Italia si trova di fronte anche ad un nuovo ballo dello spread.

Ricordiamo che lo spread non è la malattia, ma il termometro della fiducia di un Paese (tra l’altro all’interno del sito Advise Only trovate l’andamento giornaliero di questo indice per l’Italia e per tutti i paesi d’Europa).

Nelle ultime settimane i BTP italiani non solo hanno perso terreno nei confronti dei titoli di Stato tedeschi,  verso i quali lo spread oscilla intorno a quota 340 punti base (a pesare da una parte lo stallo della situazione politica italiana, dall’altro la rinnovata rincorsa verso “porti sicuri” dell’investimento come i bund tedeschi), ma anche verso la traballante Spagna. Il differenziale con i titoli decennali di questo Paese si è più che dimezzato in 5 giorni, tornando ai livelli di maggio!

Premessa: lo spread Italia-Spagna è, contrariamente a quanto avviene per la Germania (o la Francia, la Finlandia, i Paesi Bassi, ecc…), a nostro favore, questo significa che attualmente i mercati giudicano il nostro Paese più affidabile dei cugini iberici. Guardando il grafico potete notare, però, che nelle ultime settimana si è registrata un’impennata dello spread Btp-Bonos, e oggi oscilla intorno a quota -25 punti base. Tale valore riflette sul piano pratico il prezzo del rischio dell’instabilità della politica italiana.

Spread BTP italiani vs Bonos spagnoli decennali

Spread BTP italiani vs Bonos spagnoli decennali

Sicuramente, nonostante le ferite inflitte dalla crisi, l’Italia mostra dei fondamentali economici migliori della Spagna. Il Paese guidato da Mariano Rajoy, infatti, risente ancora dello scoppio della bolla immobiliare e la Commissione Europea indica una risalita del rapporto deficit-PIL,  nel 2014 (anno dell’inafferrabile ripresa).

Il grafico mostra l’importanza e l’urgenza per l’Italia di formare un Governo il prima possibile. Compito (arduo) del Capo dello Stato è trovare la quadra in un Parlamento diviso in tre; compito delle forze politiche è responsabilizzarsi davanti a un Paese che naviga in acque tempestose.

Scritto da

Dopo l'importante esperienza lavorativa in AdviseOnly, dove ha ricoperto il ruolo di portfolio advisor e analista macroeconomico, è entrato in Cassa Depositi e Prestiti. Ha conseguito la Laurea in Economia Politica all'Università degli Studi di Roma I "La Sapienza", trascorrendo alcuni periodi di studio all'estero ed il Master in Finance (II livello) presso l’Università di Torino (CORIPE Piemonte). La sua principale passione è l'economia.

Nessun commento

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.