a
a
HomeECONOMIA E MERCATIECONOMIA, POLITICA E SOCIETA'Ecco i risultati delle elezioni europee. Quali effetti su Borsa e spread?

Ecco i risultati delle elezioni europee. Quali effetti su Borsa e spread?

Le elezioni europee si sono appena concluse. Ecco una sintesi dei risultati:

  • in Italia la vittoria del Partito Democratico è stata nettamente superiore ad ogni attesa;
  • in Europa, in generale, l’ascesa degli euroscettici è stata meno pronunciata del previsto;
  • il risultato elettorale non modifica gli equilibri politici, il Parlamento europeo resta saldamente nelle mani del Partito Popolare Europeo e del Partito Socialista.

La vittoria del Front National di Marine Le Pen in Francia, dell’UKIP di Nigel Farage in UK e di altre forze in altri paesi, hanno sì rafforzato il fronte degli euroscettici ma si tratta di movimenti con opinioni molto diverse circa il futuro dell’Europa e difficilmente riusciranno a fare fronte unico in Parlamento.

Ripartizione dei seggi per singoli formazioni europee

risultati-ufficiali-elezioni-europee-2014


Il Partito Democratico confluisce in S&D, Il Movimento 5 Stelle nei non iscritti, Forza Italia e NCD-UDC nel PPE, Lega Nord nell’EFD, Lista Tsipras nel GUE/NGL.

La reazione dei mercati

Il mercato ha reagito in modo positivo al risultato elettorale: gli spread di rendimento dei Paesi Periferici sono in calo e i prezzi delle azioni europee crescono (in particolare quelle quotate su Borsa Italiana). Ma, a ben vedere, considerando i dati degli ultimi 15 anni per l’indice FTSE Mib (Borsa italiana), Stoxx 600 (azioni Europa) e MSCI World (azioni mondo), la variazione odierna è assolutamente ordinaria (nota per i più tecnici: per tutte e tre gli indici siamo all’interno di una standard deviation, la firma del “business as usual”). Idem per lo spread BTP-Bund.

Insomma, non vorremmo guastare gli entusiasmi (o le preoccupazioni) ma… in sostanza i mercati sono tornati dov’erano prima del piccolo incremento di nervosismo – chiamatelo volatilità se vi piace – legato all’uscita dei deludenti dati di crescita nell’Eurozona pubblicati in periodo pre-elezioni europee. Ora è il momento della stabilizzazione e dell’attesa delle prossime mosse della BCE.

Una riflessione finale

Gli equilibri politici non sono variati in modo significativo e, nella sostanza, si è verificato lo scenario “centrale” che avevamo descritto nel documento di asset allocation Advise Only. Infatti, da un punto di vista finanziario, queste elezioni si sono rivelate un non-evento.

Quello che emerge dai risultati, in tutto il continente, è un messaggio di disagio economico e politico che i cittadini del Vecchio Continente hanno inviato alla classe dirigente europea.

Auspichiamo tutti che questo messaggio (ricorda sempre più un urlo di dolore) non si perda nel nulla.

Scritto da

Un cambio di rotta nella finanza personale. Con www.adviseonly.com in pochi click puoi realizzare un portafoglio di investimento. Accorciamo le distanze tra te ed i tuoi investimenti, rendendoti ad ogni passo più autonomo e consapevole.

Nessun commento

lascia un commento