a
a
HomeECONOMIA E MERCATIECONOMIA, POLITICA E SOCIETA'Più Internet, meno giornali. Ecco come si informano i risparmiatori italiani

Più Internet, meno giornali. Ecco come si informano i risparmiatori italiani

Da quando la finanza ha fatto notizia – e danni alle tasche di famiglie e imprese con la Grande Recessione – gli italiani hanno iniziato a interessarsi ai temi economico-finanziari. A dirlo è l’Indagine sul risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2014 realizzata dal Centro studi Einaudi e da Intesa Sanpaolo.

come si informano risparmiatori

Chi si interessa di economia e finanza in Italia?

Lo studio certifica che la percentuale di italiani che si interessano di economia e finanza è schizzata dal 45% al 57,7% dal 2007 a oggi. Inoltre, il 40,6% degli intervistati dedica fino a un’ora a settimana per cercare informazioni che li aiuti nelle loro scelte di investimento. Secondo la ricerca, la fame di informazione è dovuta al fatto che sono in pochi ad aver studiato queste materie in passato: solo il 15,2%. Il resto, ha imparato un po’ di economia e finanza dalla vita quotidiana (34,8%), dalla famiglia (21%) o sul lavoro (12,4%).

Ecco l’identikit dell’italiano più appassionato di economia e finanza:

  • piccolo risparmiatore o con un reddito mensile superiore ai 2.500 euro;
  • imprenditore o libero professionista;
  • laureato;
  • risiede nel Centro Italia;
  • ha un’età compresa tra i 35 e i 54 anni.

Ma come si tengono informati i risparmiatori in Italia?

Le fonti d’informazione dei risparmiatori italiani

La ricerca Centro studi Einaudi-Intesa Sanpaolo approfondisce le diverse tipologie di fonti d’informazione consultate dagli italiani prima di investire i loro risparmi, prima e dopo la crisi. Le vediamo nel grafico sotto.

fonti-informazioni-risparmiatori-italiani

Un paio di osservazioni

  • La banca resta saldamente in testa tra le fonti d’informazione per i risparmiatori. Ma ha perso appeal (e utenti), probabilmente a causa del calo di fiducia dei risparmiatori verso di essa.
  • Parte dei risparmiatori che ha smesso di chiedere alla sua banca consigli per investire è passata probabilmente a Internet, che sorprendentemente ha più che raddoppiato il suo bacino di utenti nell’ultimo decennio.
  • Anche i giornali sono stati surclassati dal web, che è ormai diventata la terza fonte d’informazione consultata dagli italiani con qualche risparmio da parte.
  • Emerge infine l’esigenza di un’informazione a basso costo, se non pari a zero e facilmente disponibile: quella data da amici, colleghi e familiari e dalla rete. Queste due fonti informative erano consultate dal 64% dei risparmiatori nel 2004; ora sono appannaggio dell’80% dei risparmiatori.

Cosa possiamo fare per te

Anche noi di Advise Only rientriamo tra le fonti d’informazione online per i risparmiatori.

Cogliamo l’occasione per ricordarvi quello che possiamo offrirvi 24 ore su 24 grazie al nostro sito:

  1. educazione finanziaria, con una serie di post sul tema sul nostro blog, la rubrica #ABCfinanza e il nostro primo e-book della collana “Finanza per tutti”;
  2. AOpedia, una sorta di Wikipedia tematica dedicata ai temi del risparmio e dell’investimento;
  3. un social network per risparmiatori, cui basta iscriversi gratuitamente per costruire portafogli d’investimento, dialogare con gli altri utenti più esperti, monitorare rischio e performance dei propri portafogli;
  4. notizie a analisi sull’attualità economico-finanziaria su questo blog.

Cosa possiamo fare per le banche

Advise Only offre anche servizi B2B agli operatori del mondo della finanza. Abbiamo già diversi partner con i quali collaboriamo al fine di realizzare una comunicazione finanziaria efficace e trasparente.

Come ci suggeriscono i dati di questo post, le banche hanno perso parte della proprio reputazione negli ultimi anni. Advise Only può aiutarle a riacquistare la fiducia dei clienti attraverso una comunicazione moderna e rafforzando il posizionamento web. Consulta i nostri servizi alle aziende.

Scritto da

Laureata in Management presso l’Università Bocconi nel 2012, con una tesi sull’inattività giovanile in Italia. Da studentessa, ha collaborato con i media universitari Radio Bocconi e Tra i Leoni e al di fuori delle mura accademiche con Campus (Gruppo Class Editori) e Real World Magazine (Gruppo Potentialpark). In Saipem si è invece occupata di accertamenti giuridici nell’area Risorse Umane. Dopo la laurea, è stata assistente ai programmi di politica, economia e finanza a Radio 24 (Gruppo 24 Ore), nonché redattrice economica di Arcipelago Milano. I suoi principali interessi sono economia e comunicazione online. La distraggono da grafici e dati solo arte, cinema, teatro e buone letture.

Nessun commento

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.