a
a
HomeECONOMIA E MERCATIECONOMIA, POLITICA E SOCIETA'Giovani italiani fra scuola e lavoro: le sei distanze da accorciare

Giovani italiani fra scuola e lavoro: le sei distanze da accorciare

Che i giovani fatichino a trovare lavoro in Italia è risaputo. Ma dar tutta la colpa alla crisi sarebbe un errore.

Nel nostro Paese, negli ultimi vent’anni, la probabilità per un giovane sotto i 30 anni di essere disoccupato è risultata stabilmente 3,5 volte superiore alla popolazione adulta. La media europea è 2, rileva McKinsey & Company nella ricerca “Studio ergo Lavoro”, presentata ieri pomeriggio.

Il tema è caldo anche a livello internazionale: ne hanno parlato recentemente l’Economist e il prof. Jacobides. Quest’ultimo ha lanciato un j’accuse al sistema educativo e produttivo europeo sul blog della London Business School, dove insegna imprenditorialità e innovazione:

“I giovani di oggi sono ancora lasciati indietro da un sistema educativo antiquato e dalla riluttanza delle imprese a investire nello sviluppo della propria forza lavoro”

Cerchiamo di capire meglio la situazione italiana, esaminando i fattori strutturali che penalizzano i giovani sul mercato del lavoro, prescindendo dal (difficile stato del) ciclo economico.

Giovani e lavoro: tutti i numeri di un incontro mancato

Quanto si incontrano domanda e offerta di lavoro per i giovani nel Belpaese? Poco. Infatti, in Italia:

  • solo 1 assunzione su 10 al giorno riguarda un under 30 (Fonte: McKinsey);
  • le imprese fanno fatica a trovare le persone giuste: nel 2012 le aziende hanno faticato a trovare almeno il 16% delle posizioni ricercate (circa 65mila posti di lavoro); introvabili soprattutto i laureati in materie scientifiche e tecniche, nonché i diplomati commerciali e tecnici nei settori delle telecomunicazioni e del legno (Fonti: Unioncamere, McKinsey);
  • i laureati sono pochi rispetto ad altri Paesi europei ma, paradossalmente, troppi per l’arretratezza della nostra struttura produttiva, secondo il prof. Carlo Barone, docente di Sociologia all’Università di Trento;
  • esiste un maggiore mismatch (disallineamento in termini di capacità verbali o matematiche); lo dimostra la maggiore percentuale rispetto alla media OCSE di italiani overskilled (con maggiore literacy/numeracy a quelle richieste dal lavoro svolto) e underskilled (con literacy/numeracy inferiori a quelle richieste dal lavoro);
  • è alta la percentuale di giovani che ritengono che gli studi post-diploma non abbiano incrementato le loro opportunità di lavoro; una delusione che, peraltro, è una delle cause del calo delle immatricolazioni all’università in Italia.

Clicca per ingrandire l’infografica

italia-passaggio-scuola-lavoro

Dato il divario tra quanto serve sul lavoro e quanto si apprende sui banchi di scuola, cosa fare per avvicinare questi due mondi?

Le sei distanze da accorciare

1. Orientamento. In Italia ce la caviamo piuttosto male: solo il 26% degli studenti ha ricevuto indicazioni sufficienti sui percorsi di studio dopo la maturità; percentuale che precipita al 19% per quanto riguarda le informazioni sul lavoro. C’è da dire che non siamo soli in questa preoccupante classifica: perfino in Germania i diplomati che hanno ricevuto indicazioni sufficienti sui percorsi scolastici e sul lavoro si fermano rispettivamente al 35% e al 36%.

2. Competenze. Le imprese italiane sono le più insoddisfatte in Europa dei giovani neoassunti: quasi metà delle aziende giudica la mancanza di competenze dei giovani un problema per il business. Guarda caso, i Paesi europei con le imprese più insoddisfatte dei giovani sono quelli con una disoccupazione giovanile superiore al 25%. Il deficit di competenze degli italiani (differenza tra le competenze richieste dagli imprenditori e quelle effettive dei giovani) non riguarda tanto la literacy o la numeracy, ma piuttosto: conoscenza dell’inglese, l’etica sul lavoro, esperienza pratica, capacità di lavorare in gruppo, di risolvere e analizzare problemi.

3. Coordinamento. La percentuale di imprese che mantiene un rapporto virtuoso con con le scuole è ancora troppo bassa (41%), soprattutto rispetto a UK e Germania (dove è pari rispettivamente al 74% e 78%). Le imprese che ritengono di comunicare efficacemente con le scuole sono ancora meno: meno di un quarto in Italia, fanalino di coda in Europa.

4. Esperienze di lavoro. Secondo Almalaurea e Almadiploma, fra il 2004 e il 2012, sono aumentati gli stage organizzati dall’università ma sono diminuiti quelli delle scuole superiori (dal 58,70% al 42,50%). McKinsey certifica che nel Belpaese gli stage e i tirocini durano meno di un mese in quasi il 50% dei casi nella scuola superiore e in circa il 30% dei casi all’università: un periodo troppo breve per farsi un’idea del mondo del lavoro, anche per i più svegli.

5. Supporto. Lo Stato italiano aiuta poco i giovani nella ricerca di un lavoro. I nostri Centri per l’Impiego, a dispetto del loro nome, riescono a trovare lavoro solo all’1% dei giovani tra i 15 e i 29 anni. In Germania, invece, nell’80% dei casi. Come fanno dunque i giovani italiani a trovare lavoro? L’80% dei disoccupati under 30 chiede aiuto ad amici, conoscenti e familiari.

6. Formazione in azienda. Nell’ultimo decennio l’Italia è sempre stata sotto la media UE di 2-3 punti per numero di giovani di 25-34 anni che partecipano a iniziative di istruzione o formazione (Fonte: Eurostat). A livello aziendale i lavoratori più giovani (25-34 anni) ricevono paradossalmente meno formazione in azienda rispetto ai lavoratori più senior (35-54 anni): 28,10% contro 62,50% del totale (Fonte: Isfol).

Ecco le sei distanze da accorciare tra mondo del lavoro e della scuola in un’infografica. Voi cosa ne pensate?

Clicca per ingrandire l’infografica

italia scuola lavoro

Scritto da

Laureata in Management presso l’Università Bocconi nel 2012, con una tesi sull’inattività giovanile in Italia. Da studentessa, ha collaborato con i media universitari Radio Bocconi e Tra i Leoni e al di fuori delle mura accademiche con Campus (Gruppo Class Editori) e Real World Magazine (Gruppo Potentialpark). In Saipem si è invece occupata di accertamenti giuridici nell’area Risorse Umane. Dopo la laurea, è stata assistente ai programmi di politica, economia e finanza a Radio 24 (Gruppo 24 Ore), nonché redattrice economica di Arcipelago Milano. I suoi principali interessi sono economia e comunicazione online. La distraggono da grafici e dati solo arte, cinema, teatro e buone letture.

Nessun commento

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.