a
a
HomeECONOMIA E MERCATICOMMENTO AL MERCATOCrisi mercati finanziari: aggiornamento sull’Italia

Crisi mercati finanziari: aggiornamento sull’Italia

Nonostante le notizie di venerdì siano state confortanti per l’Italia (approvazione manovra fiscale e buon esito degli stress test da parte delle banche italiane) il mercato odierno è stato caratterizzato da negatività e paura.

Debolissimi i titoli di Stato italiani, su tutte le scadenze: il tasso d’interesse sulle obbligazioni decennali italiane oggi è salito oltre il 6% (poi è sceso nuovamente sotto tale soglia, anche se non di molto…), un’enormità. I flussi sui mercati obbligazionari hanno un’unica direzione: vedono vendite pesanti di Irlanda e Portogallo, con Spagna e Italia che subiscono il contagio.

Debolissimi anche tutti i titoli azionari europei, in particolare i bancari, per il timore che le banche che non hanno superato lo “stress test” debbano ottenere capitale fresco – non il massimo, in queste condizioni di mercato.

Il Barometro del Rischio Advise Only scende sotto 0,47.

Ad aggiungere ansia sui mercati delle obbligazioni, questa settimana ci sono le aste spagnole e francesi, e la settimana prossima quelle di Italia e Belgio: il mercato probabilmente resterà sotto pressione, a meno di ottime notizie.

Ma l’appuntamento più atteso della settimana è senz’altro dubbio la riunione dell’Eurogrouppo, giovedì 21: più volte annunciato e smentito negli scorsi giorni. La cancelliera tedesca Angela Merkel dice che parteciperà solo se ci sarà qualcosa di “sostanziale” da concordare. I due principali punti all’ordine del giorno dovrebbero essere:

  • il secondo pacchetto per la Grecia
  • la questione del coinvolgimento del settore privato e la riforma dell’EFSF, l’attuale Fondo salva-Stati della zona euro.

Questa crisi è in larga parte in mano ai politici. E questa è la cosa preoccupante. Speriamo che la classe politica europea abbia sufficientemente chiaro il disastro al quale l’economia europea (e mondiale) può andare incontro e che faccia qualcosa di sensato. Vale quindi la pena avere fiducia, anche perché l’alternativa è il panico puro e il baratro nero. Per chi pensa quindi che il mondo non imploda, ha orizzonte d’investimento e propensione al rischio tale da sopportare eventuali ulteriori discese dei prezzi (possibilissime), questi sono da considerarsi saldi dei mercati finanziari, sia su molte azioni, sia sui titoli di Stato italiani.

Di solito pensare controcorrente e non farsi prendere dal panico aiuta.


Vuoi tenere sotto controllo il rischio-Paese e il rischio dei mercati finanziari? Niente di più facile: accedi al nostro sito www.adviseonly.com e clicca su “Barometro del Rischio” (oppure prova a giocare con il Barometro su Facebook, un’applicazione gratuita a disposizione dei nostri utenti che segna il livello di stress dei mercati finanziari globali).
Inoltre potete navigare nella sezione Analisi Mercati / Mappamondo finanziario, sempre gratuita, qui troverai aggiornati quotidianamente:

  • il rendimento effettivo lordo a scadenza del titolo di Stato,
  • la Performance storica obbligazionaria,
  • lo spread,
  • la performance storica azionaria,
  • il Rischio per Paese.
Scritto da

Uno dei fondatori di AdviseOnly, responsabile del Financial & Data Analysis Group. Esperto di finanza e gestione dei rischi, statistico Bayesiano, lunga esperienza in Allianz Asset Management, è laureato in scienze economiche con indirizzo quantitativo-statistico all'Università di Torino. Docente di Quantitative Portfolio Management al Master in Finance dell'Università di Torino, ha pubblicato vari articoli su riviste finanziarie (fra le altre: Journal of Asset Management, Economic Notes, Risk), contribuendo a libri su investimenti e gestione dei rischi. Ex-triathleta, s'ostina a praticare apnea, immersioni e skyrunning.

Nessun commento

lascia un commento