a
a
HomeECONOMIA E MERCATICOMMENTO AL MERCATOBollettinoAO | Settimana di vendita sui mercati azionari, bene oro e petrolio

BollettinoAO | Settimana di vendita sui mercati azionari, bene oro e petrolio

La piazza di Tokyo è fanalino di coda della settimana con una perdita di oltre 2 punti percentuali, ma anche Piazza Affari è negativa. Il dollaro continua a perdere forza, mentre oro e petrolio guadagnano terreno.

Quali sono stati i fatti salienti della settimana?

  • Prima riunione della FED. Prima riunione dell’anno per la FED. Nessuna novità: la Banca Centrale Americana ha ritenuto opportuno – con decisione unanime – lasciare i tassi invariati tra lo 0,5 e 0,75%
  • Dati Eurozona. Il PIL dell’Eurozona è cresciuto nel quarto trimestre del 2016 dello 0,5% e dell’1,7% in tutto il 2016. Bene anche i dati sull’inflazione all-Items che passa all’1,8% per il mese di gennaio, anche se l’incremento è dovuto essenzialmente all’aumento dei prezzi del petrolio .
  • Trump ancora protagonista della settimana. Un’altra settimana piena per Donald Trump: licenzia il ministro della Giustizia Sally Yates in quanto ostacolava il bando all’immigrazione, nomina il nono componente della Corte Suprema, resta irremovibile sulla questione immigrazione sia con il Messico che con l’Australia ed infine minaccia l’Iran (dal suo profilo Twitter) e la Corea del Nord riguardo la questione nucleare.
[accordion title=”Azionario”]

Settimana di vendite sui mercati azionari. Fanalino di coda troviamo il Giappone: la piazza di Tokyo questa settimana scivola di oltre 2 punti percentuali. Negativa anche Piazza Affari; il FTSEMIB arretra dell’1,5% e la performance da inizio anno scende in territorio negativo (-1,1%).

A livello settoriale soltanto il Consumer Staples  e le Utilities riescono a rimanere in area positiva. il peggiore settore della settimana è l’Energy (-1,7%) seguito da Telecoms (-1,4%) e Financials (-1,3%).

bollettino_azioni_03_febbraio_adviseonly

Azioni Italia: FTSE MIB; Azioni Europa: Stoxx Europe 600; Azioni USA: S&P500; Azioni Giappone: Topix; Azioni Emergenti: MSCI Emerging Market. Indici Settoriali: MSCI World relativo al settore [/accordion] [accordion title=”Obbligazionario”]

Questa settimana il mercato obbligazionario non è stato caratterizzato da particolari movimenti. Scende lievemente il rendimento del decennale americano, che chiude la settimana al 2,44%.

Rendimenti sostanzialmente stabili anche sul mercato obbligazionario europeo. Quello del Bund resta sullo 0,4% mentre quello del nostro BTP si attesta al 2,2%; lo spread BTP-Bund è stabile intorno ai 160 punti.

Rendimenti stabili sul comparto investment grade americano, in lieve calo su quello europeo.

bollettino_obbligazioni_03_febbraio_adviseonly

Obbl. Gov. Italia, USA e internazionali: Bloomberg EFFAS; Obbl. Gov. Paesi Emergenti: JPMorgan EMBI Plus; Obbl. Investment Grade zona euro e USA: Bloomberg Index

[/accordion] [accordion title=”Valute & Commodities”]

Il dollaro continua a perdere forza. La decisione della FED di non modificare, almeno per il momento, la propria politica monetaria, si fa sentire e il Dollar Index scivola ai minimi dei primi giorni di novembre. Il cambio euro/dollaro risale a 1,0765 (+0,6%) mentre il cambio sterlina/dollaro scende a 1,2492 (-0,5%).

Settimana positiva sia per l’oro che per il petrolio. Entrambe le asset class avanzano, questa settimana, di un 2%. Il petrolio scambia a 56,6 dollari al barile.

bollettino_valute_commodities_03_febbraio_adviseonly

 

[/accordion]

Agenda

Ecco i dati macroeconomici che saranno pubblicati nel corso della prossima settimana e la stima del consensus (fonte: Bloomberg).

Europa – Settimana povera di dati a livello macroeconomico. In Italia saranno resi noti i numeri relativi alla produzione industriale del mese di dicembre mentre nel Regno Unito, in agenda, c’è l’uscita del dato sulla produzione industriale e manifatturiera.

USA – In agenda il dato preliminare dell’indice di fiducia del Michigan per il mese di febbraio.

Giappone –  Nessun dato di rilievo.

BRICS – In India sarà deciso il nuovo tasso di interesse mentre in Brasile è previsto il dato relativo all’inflazione del mese di gennaio.


Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime notizie dei mercati?

Scritto da

Laureato in Economia dei Mercati Finanziari presso l'Università Bocconi, dopo una parentesi presso banche tradizionali, inizia un'esperienza quasi quadriennale in FinecoBank diventando esperto del mondo del trading online. Nel 2015 la passione e la curiosità per la finanza e il mondo digitale lo portano nel team di financial strategies di AdviseOnly. Viaggiatore e fotografo incallito, sempre con l'inseparabile smartphone in mano e la musica accesa.

Nessun commento

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.