a
a
HomeCAPIRE LA FINANZAFINANZA PERSONALELa bella sorpresa delle obbligazioni bancarie portoghesi

La bella sorpresa delle obbligazioni bancarie portoghesi

Potete anche non chiamarlo esproprio, ma per i miei standard ci assomiglia parecchio.

Mi riferisco alla decisione da rapace della banca centrale portoghese, presa poco prima della fine dell’anno scorso, di spostare cinque bond bancari senior non garantiti emessi dal Banco Espirito Santo (ah che ironia quel nome) dalla “good bank”, Novo Banco, alla “bad bank”, BES. Con questa strambata la banca centrale ha riempito retroattivamente un buchetto da 1,4 miliardi di euro nei bilanci della “good bank” rivelato dagli stress test (ve li ricordate? Bene, eccoli all’opera…) della BCE di novembre. E, in questo modo, simmetricamente, ha però inflitto perdite agli obbligazionisti che detenevano quei cinque sfigatissimi bond. E così, dall’oggi al domani…puff! perdita secca per gli obbligazionisti in questione.

Una decisione arbitraria della banca centrale portoghese, ma selettiva.

Già. Perché ha preso di mira solo obbligazioni bancarie emesse sotto la legge portoghese, con taglio minimo elevato, detenute prevalentemente da investitori istituzionali, come fondi comuni e fondi pensione.

Peccato che, alla fine della fiera, in ultima istanza, la decisione portoghese ricadrà sui clienti di quei fondi (tra i quali, secondo i rumors di mercato pare ve ne siano anche di BlackRock e del leggendario Pimco) che avevano in pancia tali bond bancari. Per fortuna di quei clienti, i fondi in questione sono abbondantemente diversificati e le perdite non saranno certo letali come potrebbero esserlo se un risparmiatore avesse investito tutti i suoi quattrini in un solo bond bancario, com’è successo a qualcuno in Italia.

E poco importa se la banca centrale portoghese ha violato il principio del “pari passu”, che in parole povere vuol dire che tutti gli obbligazionisti detentori di bond senior non garantiti dovrebbero essere trattati allo stesso modo.

Ciurma, non c’è da farsi prendere dal panico, è chiaro. Però non potete nemmeno ignorare che da qualche giorno le nuove regole del bail-in sono in vigore: vi conviene allora farvi furbi e leggere attentamente i prospetti delle obbligazioni bancarie che detenete, per capire bene di che tipo sono e non essere colti di sorpresa. E prima di comprarne altre, informatevi bene.

 

Scritto da

Ha solcato i mari della finanza in lungo e in largo, su imbarcazioni piccole e grandi, con i mercati in tempesta oppure cavalcando grandi onde d’ottimismo. Da anni soffre di contorcimenti interiori che lo turbano nel profondo, e questo non solo per gli eccessi di frutti di mare, bensì per come vengono trattati i risparmiatori e per le tristi condizioni in cui versa l’industria che li dovrebbe gestire. E allora Jack Sparrow invoca l’ammutinamento! Basta con prodotti finanziari che fanno solo il gioco di chi li vende, basta con portafogli di risparmio che cozzano contro il buon senso! Entra nella ciurma di Jack e segui i suoi consigli per trasformare il tuo disagio in qualcosa di utile per i tuoi risparmi.

Nessun commento

lascia un commento