a
a
HomeCAPIRE LA FINANZAABC FINANZACrash di mercato: cose da NON fare

Crash di mercato: cose da NON fare

Lo so, periodicamente i mercati si schiantano e gettano i risparmiatori nel panico. Vi voglio aiutare. Non vi dirò come andrà a finire, anche perché ancora non prevedo il futuro. Vi lascerò invece una telegrafica lista di cose da NON fare

  1. NON cambiate i vostri piani d’investimento.
  2. NON confondete lungo termine e breve termine.
  3. NON cambiate la durata dei vostri investimenti (alias orizzonte temporale).
  4. NON ricercate il perfetto market-timing.
  5. NON reagite emotivamente, comprando e vendendo titoli in preda al panico.
  6.  NON dimenticate di osservare le reazioni scomposte intorno a voi e l’evoluzione di mercato (sarà una bella lezione, credetemi).
  7. NON date retta a profezie di mercato e fascinosi guru dell’ultima ora.
  8. NON leggete troppi giornali finanziari.
  9. NON guardate troppi notiziari che parlano di Borsa.
  10. NON dimenticate di ricordare come vi sentite e come vi siete comportati (servirà da insegnamento pro-futuro, perché guardate che crash come quello cinese sono il pane e burro dei mercati finanziari).

Quanto potranno ancora scendere le Borse?

Pur non sapendo come andrà a finire, provate a pensarci: con le obbligazioni che non rendono niente in tutto il mondo e i depositi ancora meno, quanto potranno ancora scendere le Borse? Rispondetevi da soli.


Investi con consapevolezza, investi per il tuo futuro

Scritto da

Ha solcato i mari della finanza in lungo e in largo, su imbarcazioni piccole e grandi, con i mercati in tempesta oppure cavalcando grandi onde d’ottimismo. Da anni soffre di contorcimenti interiori che lo turbano nel profondo, e questo non solo per gli eccessi di frutti di mare, bensì per come vengono trattati i risparmiatori e per le tristi condizioni in cui versa l’industria che li dovrebbe gestire. E allora Jack Sparrow invoca l’ammutinamento! Basta con prodotti finanziari che fanno solo il gioco di chi li vende, basta con portafogli di risparmio che cozzano contro il buon senso! Entra nella ciurma di Jack e segui i suoi consigli per trasformare il tuo disagio in qualcosa di utile per i tuoi risparmi.

Ultimi commenti
  • Concordo su tutti e 10 i punti! e seguiro’ le indicazioni, pero’ e’ PANIC lo stesso! 🙂

  • Mah! L’Eurostoxx non è più probabile che segua il DJI/S&P500? E i Treasury non hanno rendimenti negativi.

  • Va sempre bene investire nell’ oro? Penso di si.. no?!

    • Raffaele Zenti

      Solo se pensi che ci sia un cataclisma.

      • Ma vale anche per investimenti in oro a lungo termine di 5 o10 anni? Non penso ci sia un cataclisma ma penso che la Cina non può andare sempre a 1000 e che andando avanti la concorrenza di produzione in Cina si annulli.

  • Con calma e cautela questa puo essere una fase propizia per aprire delle posizioni o mediarne alcune esistenti se negative prospettando di investire a tempo medio lungo ,a breve mi pare piu rischioso , inoltre credo che una discesa continua del petrolio possa diventare un problema par i paesi produttori in particolare arabia saudita ,a un certo punti dovranno per forza raggiungere un accordo per diminuire la produzione, i mercati hanno ora reazioni estreme , non penso sara una catastrofe o almeno si spera

  • Un’opportunità di finanziamento per quelli che hanno progetti o altri bisogni di finanziamento personali, potete ora ottenere un prestito per risolvere le vostre difficoltà finanziarie non costrette. Contattare il responsabile per ulteriori informazioni.

    Contatto→→: cristinaallegri09@hotmail.it

  • Rileggiamo questo bell’intervento di Jack e facciamone tesoro per quello che potrebbe aspettarci nel breve-medio termine, sino a quando non siano stati superati il cospicuo numero di eventi elettorali e politico-economici (brexit in particolare) che ci aspettano tra fine 2016 e 2017. Ricordiamoci che tante “mani forti” e banche d’affari non aspettano altro che arricchirsi a spese dei nostri sbagli.

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.