a
a
HomeCAPIRE LA FINANZAABC FINANZA#ABCfinanza: qual è la differenza tra settori ciclici e difensivi?

#ABCfinanza: qual è la differenza tra settori ciclici e difensivi?

settori ciclici e difensivi

Alla vigilia del referendum sull’accordo coi creditori in Grecia, sempre più investitori sono alla ricerca di investimenti in settori difensivi. Come distinguerli da quelli ciclici? Lo spieghiamo in questo #ABCfinanza.

Sono cicliche quelle società la cui attività risente sensibilmente dall’andamento di variabili macroeconomiche, come l’andamento del Pil o della produzione industriale.

Appartengono a questa categoria, ad esempio, le società minerarie, automobilistiche, finanziarie e industriali.

Invece sono società difensive quelle molto meno sensibili alle condizioni economiche. Ricadono in questa categoria aziende che producono bevande, prodotti alimentari, prodotti per la persona e per la casa, servizi di pubblica utilità (elettricità, gas, acqua), società farmaceutiche.

Tuttavia questa classificazione è approssimativa. Infatti:

  • non è detto che il comportamento (antitetico) dei ciclici rispetto ai difensivi trovi regolarmente conferma nell’andamento dell’economia;
  • non sempre investire in società difensive significa che l’investimento è difensivo.

Settori ciclici vs. difensivi e andamento economico

Nel grafico che segue sono rappresentati:

  • un indicatore di “sorpresa” economica globale, il Merrill Lynch Economic Surprise Index-Global;
  • l’andamento del rapporto tra i prezzi di Borsa dei titoli ciclici e dei difensivi, a livello globale.

Il Merrill Lynch Economic  Surprise Index-Global misura  la deviazione (“componente sorpresa”) dei dati economici rispetto al consenso delle aspettative Bloomberg. Una lettura positiva indica che i dati economici rilasciati stanno facendo meglio del consensus, mentre una lettura negativa suggerisce un calo rispetto alle aspettative. Lo possiamo quindi considerare un indicatore di ciclo economico.

Il segno del rapporto ci dice come si comportano i ciclici rispetto ai difensivi. Quando il rapporto è maggiore di zero i ciclici si comportano meglio dei difensivi e viceversa.

settori

Dal grafico si nota che:

  • il comportamento dei ciclici rispetto ai difensivi è antitetico;
  • una lettura positiva dell’indicatore di sorpresa economica globale coincide in buona misura con fasi favorevoli ai ciclici;
  • viceversa, una lettura negativa dell’indicatore coincide sovente con fasi favorevoli ai difensivi.

Tuttavia, se facciamo attenzione al grafico, notiamo anche che questa coincidenza non è sempre confermata.

Pertanto, nelle scelte d’investimento tra ciclici e difensivi non bisogna fare totale affidamento sull’andamento di indicatori di ciclo economico (come ad esempio il Merrill Lynch Economic Surprise Index-Global).

Infine, un’azione o un settore generalmente classificato come difensivo potrebbe rivelarsi non poi così difensivo come si pensa a causa di specifiche criticità che caratterizzano l’azienda o il settore in un dato momento storico. Si pensi alla situazione attuale del settore petrolifero. Occorre quindi un’analisi accurata e generale dei rischi a cui sono esposti società o settori.

Scritto da

Dopo l'importante esperienza lavorativa in AdviseOnly, dove ha ricoperto il ruolo di portfolio advisor e analista macroeconomico, è entrato in Cassa Depositi e Prestiti. Ha conseguito la Laurea in Economia Politica all'Università degli Studi di Roma I "La Sapienza", trascorrendo alcuni periodi di studio all'estero ed il Master in Finance (II livello) presso l’Università di Torino (CORIPE Piemonte). La sua principale passione è l'economia.

Nessun commento

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.